GEO-essential – Essential Variables workflows for resource efficiency and environmental management

 

Finanziato da: European Commission – Horizon 2020
Periodo: Settembre 2017 – Agosto   2020

Introduzione

Quando si definiscono gli SDG o altri indicatori ambientali integrati, La tentazione di reinventare è grande invece di utilizzare le iniziative esistenti e i dati disponibili, ad esempio, attraverso il Sistema globale di osservazione della Terra (GEOSS) o i servizi Copernicus. Dal punto di vista dell’informazione, della comunicazione e della tecnologia, l’interoperabilità e la standardizzazione dei dati sono fondamentali per migliorare l’accesso e lo scambio dei dati. Si stanno compiendo sforzi per monitorare lo stato dell’ambiente con variabili essenziali (EV), ad esempio nell’area della biodiversità, dell’acqua e del clima. Gli EV sono definiti da ConnectinGEO come “un insieme minimo di variabili che determinano lo stato e gli sviluppi del sistema, sono cruciali per prevedere l’evoluzione del sistema e consentono di definire metriche che misurano la traiettoria del sistema”.

GEOEssential è uno dei quattro progetti finanziati dall’output del Joint International Call organizzato all’interno del programma ERA-PLANET con la partecipazione di tutti i partner del Consortium.

ERA-PLANET è un programma finanziato da Horizon 2020. Il suo obiettivo generale è rafforzare l’area della Ricerca Europea nel campo dell’Osservazione della terra in coerenza con la partecipazione europea al Group on Earth Observation (GEO) e a Copernicus. L’impatto previsto è quello di rafforzare la leadership europea nell’ambito del prossimo piano di lavoro GEO 2015-2025.

GEOEssential affronta la necessità di fonti affidabili di dati e informazioni per monitorare i progressi compiuti sulle condizioni ambientali verso gli obiettivi politici. Il progetto dimostrerà la generalità del concetto di Variabili Essenziali nelle Aree di Beneficio Sociale GEO. Creerà flussi di lavoro interdisciplinari per valutare, prevedere e monitorare le risorse naturali per informare tramite le politiche ambientali delle osservazioni della Terra come gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Saranno analizzate le strutture e le piattaforme esistenti al fine di identificare lacune e sinergie sostanziali per affrontare le esigenze della politica ambientale in agricoltura, suolo, acqua, biodiversità, energia, luce e materie prime.

 

Descrizione

GEOEssential affronta il problema  della necessità di fonti affidabili di dati e informazioni per monitorare i progressi compiuti delle condizioni ambientali per il raggiumgimento degli obiettivi politici. Il progetto dimostrerà la fattibilità delle variabili essenziali nelle aree di beneficio per la società GEO. Creerà flussi di lavoro interdisciplinari per valutare, prevedere e monitorare le risorse naturali per informare tramite le osservazioni della Terra gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Saranno analizzate le strutture e le piattaforme esistenti al fine di identificare lacune e sinergie sostanziali per affrontare le esigenze della politica ambientale in agricoltura, suolo, acqua, biodiversità, energia, luce e materie prime. Soluzioni per miglioramenti saranno fornite in collaborazione con i programmi GEO e Copernicus.

La metodologia proposta in GEOEssential va oltre i risultati del progetto ConnectinGEO che ha identificato le principali lacune nella definizione di EV GEO. L’idea principale è costruire flussi di lavoro dimostrativi che utilizzeranno veicoli elettrici serviti dall’infrastruttura GEO per ricavare indicatori rilevanti per le politiche. Il progetto GEOEssential sta affrontando la Fase 2 del progetto ERA-Planet (Efficienza delle risorse e gestione ambientale) ma è anche collegata alle altre tre Fasi tramite un’infrastruttura dati comune.

GEOEssential ha riunito un forte team di esperti in vari campi delle osservazioni della Terra e delle loro applicazioni, 14 partecipanti da 7 paesi.

 

Obiettivi


GEOEssential ha l’obiettivo di creare un’infrastruttura di Knowledge Base per facilitare la raccolta e la formalizzazione della conoscenza (ovvero le esigenze degli utenti, il riconoscimento delle lacune e le raccomandazioni per colmare le lacune, le migliori pratiche, il lessico della Comunità di pratica, ecc.) Derivanti dalla Rete europea delle reti di osservazione della Terra ( http://www.eneon.net/graph ) e da altre importanti iniziative e programmi di Osservazione della Terra (EO) a livello nazionale ed europeo. L’infrastruttura della Knowledge Base faciliterà e promuoverà la generazione di nuova conoscenza attraverso i veicoli elettrici e promuoverà anche l’integrazione dei dati e gli sforzi di armonizzazione. Questo approccio si basa sulla metodologia proposta dal progetto H2020 ConnectinGEO(Collegamento GEO 2016a, b, c). L’infrastruttura della Knowledge Base sarà collegata e si baserà sulla GEOSS Common Infrastructure (GCI), nonché sull’hub dati dei servizi Copernicus . Inoltre, nuove fonti di dati socioeconomici saranno utilizzate per sostenere l’attuazione delle politiche ambientali nazionali, europee e internazionali.

GEOEssential ha diversi obiettivi specifici,:

  1. Migliorare l’ infrastruttura della Knowledge Baseesistente sui veicoli elettrici su scala globale, paneuropea e nazionale seguendo i livelli delle categorie Copernicus;
  2. Affrontare le lacuneindividuate nella definizione e selezione di veicoli elettrici collegati ai summenzionati SBA in collaborazione con le rispettive comunità di pratica, parti interessate e utenti identificati (sia intermedi che finali);
  3. Contribuire ai dati in situ e alcoordinamento delle infrastrutture in Europa (es. ENEON);
  4. Migliorare la disponibilità dei servizi di veicoli elettricidalle piattaforme GEOSS e Copernicus;
  5. Valutare il potenziale delle sinergie tra il terreno (in situ, compresa la scienza dei cittadini, il monitoraggio nazionale, ecc.) E le osservazioni satellitari per la calibrazione, la convalida, l’integrazione dei datie il controllo della qualità;
  6. Sviluppare flussi di lavoro di dati specificie migliori pratiche per migliorare l’interoperabilità e
  7. Costruisci il GEOEssential EVs Hubcon una dashboard dagli EV agli SDG facendo uso dei flussi di lavoro sviluppati; e
  8. Semplifica e promuove l’uso dei veicoli elettricinelle comunità di pratica EO e oltre, ad esempio mediante la creazione di un Massive Online Open Course (MOOC) sulle attività di EO.

 

Partner

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE, Italia

ARISTOTELIO PANEPISTIMIO THESSALONIKIS, Grecia

CENTRO NACIONAL DE INFORMACION GEOGRAFICA, Spagna

CENTRO DE INVESTIGACION ECOLOGICA YAPLICACIONES FORESTALES, Spagna

FORSCHUNGSZENTRUM JÜLICH GMBH, Germania

HELMHOLTZ-ZENTRUM POTSDAM DEUTSCHES GEOFORSCHUNGSZENTRUM, Germania

INTERNATIONALES INSTITUT FUER ANGEWANDTE SYSTEM ANALYSE, Austria

MUSEUM FUR NATURKUNDE – LEIBNIZ-INSTITUT FUR EVOLUTIONS- UND BIODIVERSITATSFORSCHUNG AN DER HUMBOLDT-UNIVERSITAT ZU BERLIN, Germania

SENCKENBERG GESELLSCHAFT FUR NATURFORSCHUNG , Germania

SPACE RESEARCH INSTITUTE, Ucraina

HELMHOLTZ-ZENTRUM FUER UMWELTFORSCHUNG GMBH, Germania

UNIVERSITA DELLA CALABRIA, Italia

UNIVERSITE DE GENEVE, Svizzera

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PADOVA, Italia