ICUPE – Integrative and Comprehensive Understanding on Polar Environments

 

Finanziato da: European Commission – Horizon 2020
Periodo: Settembre 2017 – Agosto   2020

Introduzione

iCUPE è uno dei quattro progetti finanziati dall’output del Joint International Call organizzato all’interno del programma ERA-PLANET con la partecipazione di tutti i partner del Consortium.

ERA-PLANET è un programma finanziato da Horizon 2020. Il suo obiettivo generale è rafforzare l’area della Ricerca Europea nel campo dell’Osservazione della terra in coerenza con la partecipazione europea al Group on Earth Observation (GEO) e a Copernicus. L’impatto previsto è quello di rafforzare la leadership europea nell’ambito del prossimo piano di lavoro GEO 2015-2025.

iCUPE risponde alla sezione tematica 4 (aree polari e risorse naturali) di ERA-PLANET (rete europea per l’osservazione del nostro pianeta che cambia). Il progetto è motivato dal fatto che il ruolo delle regioni polari aumenterà in termini di megatrend come la globalizzazione, le nuove rotte di trasporto, la demografia e l’uso delle risorse naturali. Questi megatrend hanno effetti ambientali e influenzeranno drasticamente, ad esempio, le concentrazioni di inquinanti regionali e trasportati. Di conseguenza, le aree polari affrontano grandi sfide interconnesse.

 

Descrizione

La visione che guida le attività di iCUPE è che dobbiamo stabilire e mantenere osservazioni e attività di ricerca coerenti e coordinate a lungo termine sulla qualità ambientale e le risorse naturali nelle aree polari. L’idea centrale di iCUPE è lo sviluppo di osservazioni in situ nuove, integrate, controllate e armonizzate e di dati satellitari nelle aree polari, nonché di prodotti di dati per gli utenti finali. iCUPE combina l’osservazione della Terra integrata in situ e satellitare con una piattaforma di modellazione. In questo modo 1) sintetizza i dati da misurazioni globali a lungo termine, campagne intensive e satelliti, raccolti durante il progetto o forniti da iniziative internazionali in corso 2) mette in relazione i parametri osservati con gli impatti e 3) fornisce nuovi prodotti di dati, metriche e indicatori agli stakeholder riguardanti lo stato ambientale, la disponibilità e l’estrazione di risorse naturali nelle aree polari. Questi dati, metriche e indicatori saranno mirati agli stakeholder identificati. Saranno utili per lo sviluppo delle politiche e per migliorare e comunicare chiaramente la nostra comprensione multidisciplinare dello stato dell’ambiente polare e delle dinamiche dell’inquinamento in futuro. La conoscenza generata è rilevante per la popolazione generale, i responsabili politici e gli scienziati. Saranno utili per lo sviluppo delle politiche e per migliorare e comunicare chiaramente la nostra comprensione multidisciplinare dello stato dell’ambiente polare e delle dinamiche dell’inquinamento in futuro. La conoscenza generata è rilevante per la popolazione generale, i responsabili politici e gli scienziati. Saranno utili per lo sviluppo delle politiche e per migliorare e comunicare chiaramente la nostra comprensione multidisciplinare dello stato dell’ambiente polare e delle dinamiche dell’inquinamento in futuro. La conoscenza generata è rilevante per la popolazione generale, i responsabili politici e gli scienziati.

L’ambizione di iCUPE è fare progressi significativi verso una migliore integrazione tra le reti di osservazione in situ esistenti per i dati di misurazione polare su inquinanti atmosferici di breve durata, inclusi aerosol e gas traccia, nonché contaminanti. L’attenzione si concentra sulla disponibilità di serie di dati a lungo termine e sull’agevolazione di campagne intensive, nonché sul pilotaggio di dati quasi in tempo reale. Il controllo della qualità, i flussi di dati e i flussi di dati saranno armonizzati all’interno di iCUPE.

iCUPE è un progetto di 3 anni e il lavoro e le attività svolte all’interno di iCUPE sono distribuiti a 7 work pakage, 18 tasks, 56 deliverables  e 30 milestones.

 

Obiettivi

Il progetto iCUPE mira a:

1) riassumere i dati di misure globali a lungo termine, campagne intensive e satelliti, raccolti durante il progetto o forniti da iniziative internazionali in corso

2) mettere in relazione i parametri osservati con gli impatti,

3) fornire agli stakeholder nuovi dati, parametri e indicatori relativi allo stato ambientale, alla disponibilità e all’estrazione di risorse naturali nelle aree polari.

Questi dati, misurazioni e indicatori saranno focalizzati sulle esigenze degli utenti finali. Saranno utili per lo sviluppo di politiche e per migliorare e comunicare chiaramente la conoscenza multidisciplinare sullo stato dell’ambiente polare e sulle dinamiche in evoluzione dell’inquinamento. La conoscenza generata sarà particolarmente rilevante per il pubblico in generale, i responsabili politici e gli scienziati. I dati e i prodotti risultanti, nonché i dati ei prodotti acquisiti in futuro, saranno raccolti in un database a lungo termine ben documentato, reso disponibile e pronto per l’uso per scienziati, responsabili politici e pubblico in generale. Con un approccio integrato, il progetto migliorerà la nostra comprensione delle fonti e dei pozzi di inquinamento, dei cambiamenti ambientali e antropici e in particolare dei cambiamenti nella criosfera nelle aree polari; attraverso ricerche di alto livello e ad alto impatto, i dati saranno integrati con procedure di modellazione ambientale.

 

Partner

Helsingin Yliopisto (UHEL), Finlandia
Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Italia
Aarhus University (AU), Danimarca
Alfred Wegener Institute Helmholtz Centre for Polar and Marine Research (AWI), Germania
Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS), Francia
Estonian University of Life Sciences (EULS), Estonia
Finnish Meteorological Insitute (FMI), Finlandia
Helmholtz Zentrum Potsdam GFZ Deutsches GeoForschungsZentrum (GFZ), Germania
Helmholtz-Zentrum Geesthacht (HZG), Germania
N.C.S.R. Demokritos, Institute of Nuclear Technology and Radiation Protection (NCSR), Greece
Paul Scherrer Institut (PSI), Svizzera
Leibniz Institute for Tropospheric Research (TROPOS), Germania
Stockholm Universitet (SU), Svezia